Seleziona una pagina

L’alimentazione delle galline ovaiole: un tema di primaria importanza per la salute degli animali e la qualità delle loro uova. Idealmente, si punta a un mangime biologico, sicuro e ricco di nutrienti.

E se potessimo produrlo in casa, coltivando gli ingredienti base? Un’idea non solo realizzabile, ma ricca di soddisfazioni!

L’orto come alleato:

Immaginiamo di trasformare il nostro piccolo orto in una riserva di cibo genuino per le nostre galline. Cereali come mais, orzo, riso e avena possono essere coltivati e utilizzati per creare pastoncini nutrienti. Non dimentichiamo la soia, ricca di proteine, e i semi di girasole, fonte di grassi benefici.

L’importanza del pascolo:

Le galline sono onnivore e necessitano di proteine e vitamine. Il pascolo offre loro l’opportunità di trovare piccoli insetti e verdure spontanee, integrando la loro dieta. Inoltre, fornisce loro gli elementi trituratori necessari per una corretta digestione: sabbia, sassolini e pezzetti di gusci di invertebrati.

Mangime fatto in casa: consistenza e varietà:

Evitiamo di somministrare alle galline cibi troppo raffinati, come farine. Meglio puntare su una consistenza più grossolana che favorisce la digestione.

Oltre al mangime base di cereali, integriamo la dieta con verdure fresche ed erbe aromatiche coltivate nel nostro orto. Il timo, ad esempio, ha proprietà antisettiche e antibatteriche, mentre cipolla e aglio agiscono come vermifughi naturali.

Attenzione a ciò che offriamo:

Non tutte le verdure sono adatte alle galline. Evitiamo pomodori, che limitano l’assorbimento di calcio, fagioli crudi, tossici, e prezzemolo, sedano e cavolfiore.

Produrre un mangime biologico fatto in casa per le nostre galline ovaiole non solo è possibile, ma rappresenta un modo per nutrirle con cura e attenzione, garantendo loro una vita sana e felice.

, ,